I 3 post più popolari

martedì 22 gennaio 2013

Lavoro come cameriere

Se siete appena arrivati in Australia o se state pianificando di trasferirvi in Australia, di sicuro il lavoro di cameriere in un ristorante potrebbe essere un buon punto di partenza. Altri lavori disponibili in un ristorante potrebbero essere il lavapiatti o stare al bancone a fare caffè o birre. Nonostante questi siano lavori relativamente semplici, non crediate che sia facile lavorare in un ristorante. Considerate che la concorrenza è alta, ogni bar e café nelle città viene inondato di curriculum per cui a volte semplicemente non c'è posto per tutti.

Primo consiglio: CERCARE LAVORO FUORI DAL CENTRO
Cercare lavoro non solo nei centri città, ma anche nei quartieri più fuori dal centro dove le possibilità sono maggiori

Secondo consiglio: OFFRITEVI PER UN PROVA GRATUITA
Nonostante non siano richieste competenze particolari, tenete presente che un minimo di esperienza è richiesta. Quindi se avete dell'esperienza offritevi di farvi mettere alla prova e un ristoratore capirà subito se siete adatti o meno al lavoro.

Terzo consiglio: NON FALSIFICATE IL CURRICULUM, SIATE ONESTI
Se non avete alcuna esperienza, per favore non scrivete cose false sul vostro curriculum perché per prima cosa un ristoratore capirà subito la vostra mancanza di esperienza; secondo in questo modo togliete delle opportunità a coloro che hanno davvero esperienza ed alimenterete la diffidenza nei confronti degli stranieri che cercano lavoro. L'onestà qui viene premiata, per cui fatevi mettere alla prova. Se non avete esperienza comunicate la vostra voglia di laborare duro e imparare e offritevi di fare qualche giorno di prova gratuita che sicuramente verrà apprezzato dal ristoratore e se può vi aiuterà!

Quarto consiglio: ACCETTATE ANCHE POCHE ORE DI LAVORO INIZIALMENTE
In Australia è molto comune il lavoro casual, ovvero a ore. Non esiste un vero e proprio contratto ma quando c'è bisogno vi chiamano a lavorare. La paga è leggermente più alta che avere un contratto full time o part time, ma esclude benefici quali malattia e vacanze. Poco male perché comunque le domeniche e i giorni festivi sono pagati rispettivamente il 50% in più e il doppio. La ragione del lavoro casual è perché in Australia c'è molta flessibilità e molte persone possono fare anche più di un lavoro per fare le 40 ore settimanali. Oppure molti studenti hanno bisogno di lavori flessibili dati i loro impegni universitari. Dunque, non aspettatevi di trovare immediatamente un lavoro full time, ma siate pronti ad accettare anche 15 o 20 ore in due tre giorni e poi se lavorerete bene e se dimostrate di voler lavorare di più vi verrà dato più spazio. Mentre lavorate 15 o 20 ore in un posto potete sempre lavorare gli altri giorni da un'altra parte.

Quinto consiglio: LAVORARE IN RISTORANTI ITALIANI, SI O NO?
Molte persone sconsigliano di lavorare con italiani, ma personalmente credo che all'inizio possa essere una buona esperienza e opportunità. Infatti, molte persone arrivano in Australia con livelli di inglese molto bassi, non sufficienti per lavorare a contatto con il pubblico o per affrontare un colloquio. Molto spesso ristoratori italiani posso passare sopra alla mancanza di una lingua fluente per dare la possibilità di migliorarla. Ovviamente qualora venga data questa possibilità bisogna lavorare duro per dimostrare le proprie capacità. All'inizio non nego che potrebbe essere offerto un lavoro in nero il che fa parte un po della cultura italiana, ma inizialmente potrebbe essere anche utile il lavoro in nero e una paga inferiore alla media. Un volta raggiunta più padronanza della lingua e conoscenza del mestiere è giusto chiedere i propri diritti al 100% e qualora fossero negati si può sempre cercare un altro lavoro.
Non mi sento comunque di accusare gli italiani all'estero di voler approfittare dei nuovi immigrati italiani, poiché la maggior parte sono pronti ad aiutare ed offrire un lavoro che inizialmente non verrebbe offerto da nessuno.

In bocca la lupo con la vostra ricerca di lavoro!

7 commenti:

Davide Incardona ha detto...

Ciao! mi chiamo Davide, innanzi tutto complimenti per il blog, ho 29 anni e vorrei compiere il passo per venire di Australia, sono un pizzaiolo esperto, e cuoco, ho un'esperienza di 10 anni, ma non ho titoli di studio, il mio inglese è buono avendo vissuto per 2 anni in Inghilterra, attualmente vivo e lavoro in Svizzera, ma il mio sogno è l'Australia, pensi che sia facile nelle mie condizioni trovare subito lavoro? che consigli puoi darmi? quale visto? sarà poi difficile ottenere un'eventuale sponsorizzazione?
Sono certo che i tuoi consigli mi potranno essere molto utili...
Complimenti ancora per il blog, non mollare, di sicuro avrò il piacere di utilizzare anche qualcuno dei tuoi servizi a pagamento.
Grazie. Davide

Roberto ha detto...

Ciao Davide! Sembra che tu abbia buone credenziali...i lavori in cucina qui sono molti ricercati e se sai bene l'inglese non avrai nessun problema a cercare e a sviluppare una carriera. Il discorso sponsor io lo vedo così...ma vedo così un po tutto nella vita...se vuoi davvero una cosa farai di tutto per ottenerla e alla fine la otterrai. Con questo voglio dire che nessuno ti può dare le certezze...le trovi solo dentro di te! Poi un consiglio pratico per esperienza personale è che qui in Australia prima di pensare a ricevere devi pensare a dare, far vedere quanto vali e quanto puoi essere indispensabile per il tuo datore di lavoro. Comunica i tuoi sogni e i tuoi obiettivi...e alla fine se sei bravo, se lavori bene...una strada per rimanere qui la trovi. Sarà lo sponsor...o sarà una fidanzata australiana...o direttamente la residenza permanente perchè ne hai i requisiti.

Comunque se vieni con un Working Holiday avrai il tempo di vedere quello che puoi fare qui...troverai lavoro in una cucina per iniziare e ti manterrai senza problemi...poi il resto verrà da se.

PS: umiltà, voglia di lavorare, umiltà, voglia di fare, umiltà, determinazione, umiltà e essere sicuri di se stessi e dei propri obiettivi credo che faccia raggiungere il successo a qualsiasi persona

Davide Incardona ha detto...

Grazie Roberto! il tuo commento mi sembra carico di entusiasmo, e il fatto che noto questo in te nonostante che sei lì da tempo, mi fa pensare in positivo e mi da un piccolo aiuto in più nella mia decisione! Grazie ancora e continua così..! ;-)

EMANUELE PATTI ha detto...

ciao!! ho quasi 23 anni e non riesco a trovare un lavoro decente in italia, ho fatto una stagione come cameriere e mi so destreggiare abbastanza bene come caffetteria...
ho un livello intermedio di inglese dovrei frequentare a breve un corso di b2(first) anche se sono abbastanza arrugginito nel parlato... più che altro vado in panico quando devo parlare, ma probabilmente è perchè sono 4 anni che non faccio un discorso di senso compiuto a voce...
sono ormai mesi che penso di tentare visto che qua le prospettive per me sono meno di zero... non vorrei fare la vita di uno che vale zero... non so se ho espresso bene il concetto...
che consigli mi daresti?
ho visto che si può fare un visto working holiday che dura un anno, ma non mi fido a venire li senza avere già un lavoro... visto che se dovessi venire su spenderei tutti i miei risparmi da quando sono bambino...
grazie in anticipo
saluti
Emanuele

Roberto ha detto...

Ciao Emanuele,

Prima di tutto grazie mille per leggere il blog e per aver condiviso la tua storia, le tue intenzioni e anche i tuoi timori.

Capisco la paura di fare un salto così grande e nessuno può dirti se farlo o meno. Dentro di te devi trovare il coraggio di farlo.

Nessuno ti può assicurare un lavoro, ma posso dirti che nella ristorazione qui a Sydney lavori se ne trovano. Non significa che arrivi e dopo due giorni lavori. A volte passano 5 giorni, a volte due settimane, a volte un mese...il massimo che ho visto una persona prima di trovare lavoro è stato 6 settimane.

Se si cerca il lavoro quando si arriva e se si ha una buona volontà qualcuno che ti da una possibilità si trova.

Non so con quanti risparmi partiresti. Leggi l'articolo sul costo medio della vita cosi ti puoi fare un idea di quali potrebbero essere i costi inizialihttp://www.lavitainaustralia.com/2013/06/costo-della-vita-nelle-principali-citta.html

Diciamo che se hai delle risorse per poter stare anche 2-3 mesi senza lavorare, riuscirai senza troppa pressione a fare tutto quello che devi fare. Meno risorse si hanno a disposizione all'inizio e più pressione si sente addosso.

Io personalmente credo che se dentro di te senti che vorresti partire, non è la paura di utilizzare quei risparmi che ti deve fermare. Alla fine sono soltanto soldi contro il sogno di migliorare la propria condizione e uscire dalla mediocrità in cui si è costretti a vivere in Italia (tante volte per colpa di noi stessi, ma anche per condizioni esterne che conosciamo tutti).

Leggi anche l'articolo Il Segreto del Successo http://www.lavitainaustralia.com/2013/08/il-segreto-del-successo-in-australia.html, troverai degli spunti interessanti.

Scrivimi un email se vuoi e ti posso dare qualche consigli extra o rispondere a qualche dubbio particolare. Ti posso anche aiutare con i corsi di inglese poichè al momento la mia professione è consulente di studio presso Go Study.

Scrivimi presto!

Tekky italia ha detto...

Ciao,Roberto scusa per il disturbo sono un ragazzo di 21 anni sono di turchia e vivo in italia con la mia mamma che e italiana io sono cittadino turco e ho il permesso soggirno di lungo periodo ue posso venire in australia con il visto working holiday come mestiere sono pizzaiolo grazie....

Fabio ha detto...

Ehi ciao sono Fabio complimenti per il tuo blog! Sono un insegnante di scuola guida abilitato stanco delle paghe ridicole che danno qui e con la voglia di cambiare la mia vita. Credi che posso trovare qualcosa lí in questo settore? Magari ovviamente dopo un periodo iniZiale di ambientamento e col miglioramento della lingua

Contattami subito per una consulenza gratuita!

Nome

Email *

Messaggio *